Curiosità... e risposte

Grappa "invecchiata" o "barricata" sono la stessa cosa?

Un Grappa è invecchiata se conservata in recipienti di legno di varia capacità per un minimo di 12 mesi; barricata vuol dire che la Grappa è stata conservata in botti con capacità inferiore a 500 litri, chiamate barrique. In entrambi i casi la grappa deve essere conservata in magazzini sotto controllo statale.

Cosa significano grappa morbida e grappa secca?

Il gusto di una Grappa è morbido quando non sono presenti componenti aggressive alla lingua (per esempio come la Grappa di Moscato); è secco quando sono presenti componenti che danno sensazioni astringenti (come per esempio la Grappa di Erbaluce).

Che differenza c'è tra la Grappa bianca e la Grappa gialla?

Tutti i distillati quando si producono sono bianchi (incolori); una Grappa diventa gialla perchè o è stata messa in contenitori di legno (botti e tini) che cedono sostanze coloranti o/e è stata corretta con il caramello.

Perchè la Grappa si chiama Grappa?

Deriva dal termine dialettale Graspa: il termine grappa si incominciò ad usare solo verso la fine del 1800, prima in ogni regione aveva un nome diverso (in Piemonte, Branda).

Che differenza c'è tra Grappa e acquavite di uva?

La Grappa è ottenuta dalla distillazione diretta della vinaccia cioè del materiale solido (raspo, buccia e vinacciolo) che avanza dopo la torchiatura dell’uva; l’acquavite d’uva è ottenuta dalla distillazione dell’uva fermentata, quindi dell’intero grappolo.

Che differenza c'è tra grappa aromatica e una grappa aromatizzata?

Una grappa è aromatica quando si ottiene da vinacce che provengono da uve aromatiche (esempio moscato, brachetto, malvasia); è aromatizzata quando alla grappa vengono aggiunti elementi aromatizzanti naturali.

Perché ci sono Grappe di colore ambrato?

Il colore ambrato deriva in parte dalle sostanze cedute dal legno di una botte, in parte dall’eventuale aggiunta di caramello.

La Grappa è un distillato prezioso?

Sì, perchè origina da una materia utilizzabile solo in piccola parte e facilmente deperibile, richiede una distillazione particolarmente attenta e onerosa ed i volumi prodotti sono necessariamente contenuti.

Per essere una “buona” Grappa, deve superare i 40°?

No, esistono ottime grappe a partire dal limite minimo di legge di 37,5°.

Quale temperatura è ottimale per gustare la grappa?

Il consiglio è di bere le grappe bianche tra i 10 e i 12 gradi, le invecchiate massimo 18 gradi.

Quali sono le differenze tra la Grappa e gli altri distillati (brandy, vodka, whisky)?

La Grappa è l’unico distillato che origina dalla lavorazione della vinaccia (sottoprodotto della vinificazione).

Con che frequenza sono sostituite le barrique?

Normalmente per la Grappa si usano barrique già utilizzate per il vino: se la Grappa introdotta non viene sostituita possono durare anche 5/10 anni.

Chi inventò la Grappa?

La Grappa è stata inventata dagli italiani all’inizio dello scorso millenio; ma se ne hanno notizie certe solo a partire dal 1400.

Quale è il bicchiere ideale per degustare la Grappa?

Quello a forma di tulipano, da 120 ml, perfettamente incolore e non troppo chiuso alla bocca.

È vero che la Grappa è un’acquavite unica?

Sì, il termine Grappa può essere utilizzato solo per il distillato di vinaccia ottenuto in Italia con vinacce italiane (come da Regolamento CE n.110/2008).

Cosa sono le Grappe di Monovitigno?

Sono le Grappe ottenute dalla distillazione di vinaccia proveniente da un unico tipo di uva; normalmente vengono usate le vinacce di uve pregiate il cui nome viene indicato in etichetta.

Quanta Grappa si produce attualmente?

In Italia si producono mediamente 8.500.000 litri a pieno grado (corrisponde a circa 32.000.000 di bottiglie da lt. 0,7 a 40° alcol).

Che cosa significa “distillare”?

E’ un processo fisico che consente, attraverso il riscaldamento, l’estrazione di componenti contenute in una materia prima e di separarle in base alla rispettiva temperatura di ebollizione.

Esistono diverse apparecchiature per distillare la Grappa?

Sì, la Grappa ha la caratteristica di poter essere prodotta con distillatori diversi. Esistono gli alambicchi discontinui (a fuoco diretto, a bagnomaria, a caldaietta a vapore) e quelli continui (lavorano appunto senza soluzione di continuità). Oggi si utilizzano soprattutto gli alambicchi continui, riservando quelli discontinui solo a produzioni di nicchia.

Perchè gli alambicchi sono di rame?

Perchè è un materiale ottimo per la conduzione del calore e, soprattutto con le tecnologie di un tempo, facilmente lavorabile.

Quando esce dal distillatore a che grado è la Grappa?

Normalmente la grappa viene prodotta intorno ai 75°; successivamente viene portata al grado desiderato con l’aggiunta di acqua.